Che cosa è la rabdomiolisi CrossFit

Cos’è la rabdomiolisi?

La rabdomiolisi è una condizione che può verificarsi quando il tessuto muscolare è danneggiato a causa di una lesione in cui i muscoli del corpo sono danneggiati (rabdomio = muscolo scheletrico + lisi = rapido esaurimento).

Rabdomiolisi e CrossFit, uno spettro che aleggia nel nostro sport tanto da essere stato creato anche un personaggio di fantasia chiamato “uncle rhabdo”. La rabdomiolisi da sforzo è una questione più volte sollevata dai detrattori di questo sport.

Ma per correttezza di informazione dobbiamo ricordare che è un rischio probabile per tutti coloro che tendono ad allenarsi più del dovuto. Le notizie trovate in rete sono frammentarie e si rischia di offrire una visione distorta di questa patologia.

In questo articolo cerchiamo di spiegare il più chiaramente possibile che sosa sia la rabdomiolisi da sforzo e come evitarla. Ci sentiamo di dare una raccomandazione a tutti gli atleti. Ascoltate il vostro corpo. Il riposo è tanto importante quanto l’allenamento.

La rabdomiolisi è una condizione che può verificarsi quando il tessuto muscolare è danneggiato a causa di una lesione in cui i muscoli del corpo sono danneggiati (rabdomio = muscolo scheletrico + lisi = rapido esaurimento).

Ci sono tre tipi di muscoli nel corpo, tra cui:

  1. muscoli scheletrici che muovono il corpo.
  2. muscolo cardiaco situato nel cuore.
  3. muscolatura liscia che allinea i vasi sanguigni, il tratto gastrointestinale, i bronchi nei polmoni e la vescica e l’utero.

La rabdomiolisi si verifica quando c’è un danno al muscolo scheletrico.

La cellula muscolare ferita perde la mioglobina (una proteina) nel flusso sanguigno. La mioglobina può essere tossica per le cellule renali e può danneggiare e ostruire il sistema di filtrazione del rene. Entrambi i meccanismi possono portare a insufficienza renale (la maggiore complicanza della rabdomiolisi).

Lesioni muscolari significative possono causare spostamenti di liquidi ed elettroliti dal flusso sanguigno nelle cellule muscolari danneggiate e nell’altra direzione (dalle cellule muscolari danneggiate nel sangue). Di conseguenza, può verificarsi disidratazione. Livelli elevati di potassio nel sangue (ipercaliemia) possono essere associati a disturbi del ritmo cardiaco e morte cardiaca improvvisa a causa di tachicardia ventricolare e fibrillazione ventricolare.

Le complicanze della rabdomiolisi comprendono anche la coagulazione intravascolare disseminata, una condizione che si verifica quando piccoli coaguli di sangue iniziano a formarsi nei vasi sanguigni del corpo. Questi coaguli consumano tutti i fattori di coagulazione e le piastrine nel corpo e il sanguinamento inizia spontaneamente.

Quando i muscoli sono danneggiati, soprattutto a causa di una lesione da schiacciamento, può verificarsi gonfiore all’interno del muscolo, causando la sindrome compartimentale. Se questo si verifica in un’area in cui il muscolo è legato dalla fascia (una membrana fibrosa dura del tessuto), la pressione all’interno del compartimento muscolare può aumentare fino al punto in cui l’apporto di sangue al muscolo viene compromesso e le cellule muscolari iniziano a morire.

La rabdomiolisi fu apprezzata per la prima volta come una significativa complicazione da schiacciamento e lesioni da esplosione sostenute in un’eruzione vulcanica in Italia, nel 1908. Le vittime delle esplosioni durante la prima e la seconda guerra mondiale aiutano a comprendere meglio il rapporto tra danni muscolari massivi e insufficienza renale.


Quali sono le cause della rabdomiolisi?

Alcune cause comuni del danno muscolare dovuto alla rabdomiolisi includono:

  • Grave trauma contusivo e lesioni da schiacciamento
  • Elettrocuzione
  • Colpi di luce
  • Gravi ustioni
  • Immobilizzazione prolungata (ad esempio, pazienti che sono stati sdraiati in una posizione per un periodo prolungato a causa di uno stimolo debilitante, di un’overdose di alcolici o di coloro che sono rimasti incoscienti per un periodo prolungato di tempo per altri motivi). Il peso del corpo è sufficiente a schiacciare i muscoli che vengono spinti contro una superficie dura come il pavimento.
  • Esercizio eccessivo, ad esempio, una maratona o un sollevamento pesi eccessivo
  • Pazienti in stato epilettico, in cui il sequestro dura per un periodo prolungato di tempo e i muscoli si contraggono involontariamente
  • Le reazioni distoniche provocano uno spasmo ai muscoli e se non curati possono danneggiare i muscoli
  • Farmaci per abbassare il colesterolo [ad esempio, statine prescritte per il trattamento del colesterolo alto (in particolare se combinate con altri medicinali che riducono il colesterolo come i fibrati)]
  • I farmaci antidepressivi [ad esempio gli antidepressivi selettivi degli inibitori del reuptake della serotonina (SSRI) possono causare una sindrome da serotonina caratterizzata da agitazione, febbre e spasmo muscolare]
  • Alcuni anestetici possono causare la sindrome da ipertermia maligna con febbre alta e rigidità muscolare
  • Una varietà di droghe d’abuso [ad esempio, cocaina, eroina, fenciclidina (PCP) e anfetamine]
  • Ipertermia e ipotermia (temperatura corporea alta e bassa, rispettivamente)
  • Complicazioni da una varietà di infezioni causate da batteri, virus e funghi
  • Associazione con altre malattie come la malattia assofila, polimiosite e dermatomiosite
  • Complicazioni dal veleno da morsi di serpente e morsi di ragno vedova nera.

Sintomi di rabdomiolisi

Quali sono i primi sintomi della rabdomiolisi?

  • debolezza muscolare
  • dolore
  • rigidità
  • febbre
  • nausea,
  • confusione
  • malessere generale
  • urina notevolmente scura.

Quali sono i sintomi della rabdomiolisi?

Il danno muscolare provoca infiammazione che porta alla afflossciarsi dei tessuti, gonfiore e debolezza dei muscoli interessati. Il colore scuro delle urine è dovuto alla mioglobina che viene escreta nelle urine. Alcuni individui affetti descrivono questo sintomo come sangue nelle urine, ma quando viene esaminato al microscopio, non si vedono globuli rossi.

I sintomi correlati alle complicazioni previste della rabdomiolisi includono:

Sintomi di insufficienza renale, che possono includere gonfiore delle mani e dei piedi;
Diminuzione della produzione di urina;
Mancanza di respiro in quanto il liquido in eccesso si accumula nei polmoni;
Letargia;
Debolezza;
Sintomi di ipercaliemia (debolezza, nausea, vertigini e palpitazioni dovute a disturbi del ritmo cardiaco)
Coagulazione intravascolare disseminata può presentarsi come sanguinamento inspiegabile (come precedentemente discusso).


Come capire se ho contratto la rabdomiolisi ?

La rabdomiolisi è spesso vista come una complicazione di un evento medico importante come un trauma o un’altra malattia. Di solito è riconosciuto dall’operatore sanitario durante la valutazione e il trattamento del paziente. Ad esempio, un paziente che soffre di elettrocuzione dovrebbe sviluppare rabdomiolisi e si prenderà cura di monitorare e potenzialmente ridurre al minimo le complicazioni della disgregazione muscolare. Allo stesso modo, un paziente che è rimasto immobile sul pavimento per molte ore dopo aver sostenuto un ictus è a rischio di rabdomiolisi e spesso vengono eseguiti test diagnostici per questa potenziale complicazione.

In alcune situazioni, è importante che l’individuo ricerchi cure mediche se si presentano sintomi di debolezza muscolare e urine scure. Questi sintomi possono manifestarsi a causa di un prolungato esercizio fisico come una maratona o un sollevamento pesi eccessivo.

I pazienti che assumono farmaci come statine e fibrati per il controllo del colesterolo devono essere consapevoli che il dolore muscolare spontaneo inspiegabile o l’urina scura, entrambi sintomi di rabdomiolisi, dovrebbero essere un segnale.


Come viene diagnosticata la rabdomiolisi?

La valutazione della rabdomiolisi inizia con la storia e l’esame fisico del paziente. L’operatore sanitario valuterà le potenziali cause alla base della rottura muscolare. A volte è ovvio che il paziente è una vittima di un trauma. A volte si richiede una raccolta di informazioni dettagliate sul paziente, ad esempio eventuali condizioni mediche di base e anamnesi farmacologica.

L’esame obiettivo non si concentrerà solo sui danni muscolari ma anche sulle potenziali complicazioni dell’insufficienza renale e dell’ipercaliemia con disturbi del ritmo cardiaco associati.

Gli esami del sangue possono includere un emocromo completo e profilo di coagulazione, elettroliti, funzione renale (BUN e creatinina) e creatina fosfochinasi (CPK), una sostanza chimica presente nel muscolo che viene anche rilasciata nel flusso sanguigno con danno muscolare. Livelli marcati di CPK nel setting clinico appropriato confermano la diagnosi.

L’analisi delle urine può essere utile. Si può presumere che la mioglobina sia presente nelle urine se il test chimico del sangue nelle urine è positivo ma non si osservano globuli rossi all’esame microscopico.


Ci sono rimedi casalinghi per la rabdomiolisi?

Con la rabdomiolosi non si scerza !  Se si sospetta di aver contratto la rabdomiolisi, è bene sapere che è richiesta una valutazione medica precoce.

Se il caso è lieve, il trattamento domiciliare può includere il riposo e un’adeguata idratazione, oltre a reidratarsi con molti liquidi.


Qual è il trattamento medico per la rabdomiolisi?

La rabdomiolisi può comportare complicanze potenzialmente letali e tutte le potenziali complicanze devono essere prese in considerazione durante le cure mediche.

Per molti pazienti, il trattamento per la demolizione muscolare inizia nella situazione pre-ospedaliera in cui un tecnico o paramedico di emergenza riconosce il potenziale danno fatto alle lesioni muscolari. L’infusione endovenosa di grandi quantità di liquido salino aiuta ad aumentare la velocità di filtrazione glomerulare o la quantità di fluido che viene spinto attraverso i filtri situati nel rene. L’obiettivo dell’aumento del flusso del fluido è quello di diluire le tossine, come la mioglobina, che possono intasare e danneggiare il sistema di filtraggio del rene.

Inoltre, il personale ospedaliero prenderà in considerazione il monitoraggio cardiaco per valutare l’evidenza di ipercaliemia, che può portare a disturbi del ritmo cardiaco e morte cardiaca improvvisa.

Il trattamento nel pronto soccorso continuerà le cure pre-ospedaliere. C’è anche bisogno di preoccuparsi di valutare e curare i problemi sottostanti che hanno causato la rabdomiolisi.

La prevenzione dell’insufficienza renale è uno degli obiettivi principali della cura acuta. Fluido, farmaci e potenzialmente dialisi possono essere necessari per aiutare a supportare la funzione renale mentre le proteine ​​della mioglobina circolante vengono eliminate dal corpo.

La terapia ipercaliemia include il monitoraggio dell’elettrocardiogramma del paziente (ECG), che esplora le eventuali anomalie che possono prevedere ritmi cardiaci potenzialmente fatali come la tachicardia ventricolare e la fibrillazione ventricolare. I farmaci possono essere utilizzati per spostare il potassio fuori dal flusso sanguigno e infine fuori dal corpo attraverso l’urina.

La coagulazione intravascolare disseminata è un’altra complicazione della rabdomiolisi e può richiedere trasfusione di prodotti di coagulazione del sangue. Questi possono includere plasma fresco congelato, crioprecipitato e piastrine.

I pazienti che sviluppano complicanze della rabdomiolisi spesso richiedono il ricovero e il monitoraggio. Le consultazioni specialistiche sono considerate in base allo stato del paziente. Un nefrologo (specialista in reni) può essere necessario per consigliare in merito alla necessità di dialisi.


Qualsi sono i tipi di trammaenti medici per la rabdomiolisi?

L’obiettivo del trattamento per prevenire il danno renale è massimizzare la quantità di fluido che fluisce attraverso i nefroni e i glomeruli nel rene, cercando di eliminare le fibre di mioglobina che possono ostruire i filtri del rene. L’effetto è di aumentare la produzione di urina, che può essere misurata e monitorata.

  • Farmaci diuretici come la furosemide possono essere somministrati per via endovenosa per promuovere la produzione di urina. Quest’ultimo può essere usato anche se il paziente è un pò disidratato, ma è necessaria una stretta osservazione dei segni vitali del paziente, compresa la pressione sanguigna e la frequenza del polso.
  • Se i segni vitali sono stabili, il mannitolo può anche essere iniettato per via endovenosa per aumentare il flusso sanguigno al rene e aumentare la produzione di urina.
  • Il bicarbonato di sodio può essere aggiunto alla soluzione salina per via endovenosa per modificare l’equilibrio acido-base delle urine.
  • Le lesioni muscolari possono essere estremamente dolorose e possono essere necessari farmaci narcotici per il controllo dei sintomi.

Qual è il follow-up per la rabdomiolisi?

I livelli di creatinina chinasi nel flusso sanguigno tendono a raggiungere il picco entro 24 ore dopo la lesione ei pazienti vengono generalmente monitorati fino a quando questi livelli non si avvicinano al range normale.

I livelli di potassio raggiungono il picco in poche ore di danno muscolare, ma se vi è una compromissione renale associata, anche la capacità del corpo di eliminare il potassio in eccesso nelle urine è compromessa. Se non è richiesta la dialisi, il paziente dovrà essere monitorato fino a quando i livelli di potassio non torneranno nell’intervallo di normalità.

La causa della rabdomiolisi dovrà essere affrontata e corretta. Il follow-up dipenderà dalla condizione sottostante.


Come posso prevenire la rabdomiolisi?

Il rischio di rabdomiolisi esiste per i pazienti che assumono farmaci a base di statine e fibrati per il controllo del colesterolo alto. Spesso vengono fornite informazioni a questi pazienti per essere a conoscenza dei sintomi della rabdomiolisi.

I programmi di allenamento e le routine devono essere attentamente programmati per prevenire la rabdomiolisi. Questo include evitare l’esercizio in condizioni di caldo estremo e bere liquidi adeguati. Entrambe queste situazioni possono portare alla disidratazione, che aumenta il rischio di danni muscolari.


Qual è la prognosi della rabdomiolisi?

La rabdomiolisi è la causa di una percentuale significativa di pazienti con insufficienza renale. Mentre il tasso di mortalità per questa malattia è di circa il 5%, il rischio di morte dipende dalla salute di base del paziente, dalla quantità di danni muscolari e da altre lesioni associate. Se si verifica un’insufficienza renale, il tasso di mortalità può aumentare in modo significativo.

Le complicazioni della disgregazione muscolare possono essere minimizzate dal riconoscimento precoce della rabdomiolisi e dell’intervento medico che può includere l’idratazione endovenosa aggressiva del fluido.


Liberamente ispirato alle seguenti fonti mediche.

Medicina d’urgenza : Guida allo studio completa sulla rabdomiolisi

Rabdomiolisi : Giornale Italiano di Nefrologia


Scopri tutto sul Crossfit con le nostre guide.

Sommario Articolo :
Rabdomiolisi da sforzo Che cosa è ? Correlazioni con il CrossFit
Titolo Articolo :
Rabdomiolisi da sforzo Che cosa è ? Correlazioni con il CrossFit
Descrizione Articolo :
Cos'è la rabdomiolisi? CrossFit e rabdomiolisi uno spettro che aleggia nel nostro sport tanto da essere stato creato anche un personaggio di fantasia chiamato "uncle rhabdo". Scopriamo insieme cos'è e come evitarla.
Autore Articolo :
Scritto da :
My Cross Life
Logo :