FIPE Federpesistica lancia STHENATHLON® | Tutto quello che c’è da sapere

La Federazione Italiana Pesistica ha da pochi giorni presentato STHENATHLON®. Disciplina polispecialistica orientata alle prove di forza, gestita in via esclusiva dalla FIPE stessa.

Visto il momento cosi particolare, abbiamo deciso che forse era il caso di andare un po’ più a fondo alla cosa, per capire meglio di cosa si trattasse.

L’arduo compito di raccontarci il progetto STHENATHLON®  è toccato a Simone “Mone” Dalpozzo, referente per il Settore Tecnico di FIPE per lo sviluppo del progetto STHENATHLON® oltre che caro amico di vecchia data.

Abbiamo parlato con Simone per un bel po’ per cercare di capire il modo in cui presentare l’iniziativa.

Ecco il risultato della nostra chiacchierata fiume:

Redazione : Ciao Simone e benvenuto.

Ciao ragazzi, in qualità di referente per il Settore Tecnico, per lo sviluppo del progetto STHENATHLON®, vi ringrazio a nome anche della FIPE per averci dato spazio e poter illustrare meglio il nuovo progetto STHENATHLON®.

Che cosa è STHENATHLON®?

L’idea nasce dalla necessità di identificare quello che da anni facciamo nei nostri box, ma che non abbiamo mai potuto considerare uno Sport.

Il nostro obbiettivo è il riconoscimento di questa disciplina. Poter essere accostati ad una Federazione riconosciuta da oltre 100 anni e identificarsi in una disciplina è il primo passo verso il professionismo.

La Federazione Italiana Pesistica, inoltre, ha sempre dato garanzie e presenza costante ai propri associati, a livello tecnico, economico e giuridico, e lo ha dimostrato in modo importante durante la pandemia; non solo ha offerto gratuitamente ‘sapere’, nel senso che ha organizzato degli appuntamenti on line su diverse tematiche della disciplina; ma con il CURA FIPE ha messo a disposizione di chiunque ne facesse richiesta, i fondi della Federazione stessa.

È sempre stata al fianco dei propri associati, una garanzia che nessun’altra Federazione ha dato.

Il mondo del fitness ha avuto una evoluzione nel corso degli anni, che ha avvicinato sempre di più le persone all’allenamento attraverso l’uso di pesi, sovraccarichi e resistenze, anche a corpo libero, per il raggiungimento di un obiettivo che può essere la preparazione e la partecipazione ad una competizione agonistica, ad un evento amatoriale o promozionale, o che abbia come finalità il semplice condizionamento (fitness) o, ancora, il raggiungimento del benessere fisico (wellness).

Per molte Società il Sollevamento Pesi non è più solo lo Strappo, lo Slancio e la Distensione su panca. Oggi ci possiamo identificare anche nello Sthenathlon.

Il nostro obiettivo è quello di far riconoscere questa disciplina e portarla ad un livello professionistico. Il primo passo è stato quello di codificarla sulla base di un regolamento tecnico ideato da FIPE stessa.

Perchè questo nome?

La denominazione STHENATHLON® nasce dall’unione di due parole del greco antico, lingua di origine dello sport olimpico:

Athlon: gara, competizione tra contendenti.
Sthenos: forza e potenza.

Pertanto, STHENATHLON® diventa la denominazione ufficiale ed universale dei GIOCHI DELLA FORZA e degli atleti che vi partecipano, definiti STHENATLETI.

Cosa sono gli Sthenatleti?

Gli Sthenatleti sono coloro che partecipano agli eventi e svolgono la propria performance sportiva, indoor e/o outdoor, sia in modalità individuale che a squadra, attraverso l’uso di pesi, sovraccarichi e resistenze, anche a corpo libero, per il raggiungimento di un obiettivo che può essere la preparazione e la partecipazione ad una competizione agonistica, ad un evento amatoriale o promozionale, o che abbia come finalità il semplice condizionamento (fitness) o, ancora, il raggiungimento del benessere fisico (wellness).

Chi gestisce gli eventi live?

Le competizioni in modalità Live, sono gestite ed organizzate dai partner del Progetto STHENATHLON FIPE, all’interno delle quali è inserito uno dei 33 TITANI previsti dal Regolamento.

In questo caso la partecipazione è aperta a tutti ma accedono alla Finale Nazionale solo gli Atleti Agonisti FIPE in regola con il Tesseramento per una Società regolarmente affiliata alla FIPE per l’anno di competenza e con la prevista certificazione medico agonistica in corso di validità

La Finale Nazionale che si terrà, indicativamente, nel mese di dicembre 2021, è gestita ed organizzata dalla FIPE e la partecipazione è riservata agli Atleti Agonisti FIPE in regola con il Tesseramento per una Società regolarmente affiliata alla FIPE per l’anno di competenza e con la prevista certificazione medico agonistica in corso di validità, che abbiano ottenuto la qualifica.

Ci sono classi di età?

Sì, le classi di età sono così suddivise :

Esordienti: dal 13° al 16° anno
Juniores: dal 17° al 20° anno
Seniores: dal 21° al 29° anno
Master 30: dal 30° al 34° anno
Master 35: dal 35° al 39° anno
Master 40: dal 40° al 44° anno
Master 45: dal 45° al 49° anno
Master 50: dal 50° al 54° anno
Master 55: dal 55° al 59° anno
Master +60: dal 60° anno in poi

Occorre precisare però che almeno per il 2021, il Circuito prevede solo parte delle classi di età e quindi:

Juniores: dal 17° al 20° anno;
Seniores: dal 21° al 29° anno;
Master “+30” dal 30° al 39° anno;
Master “+ 40”: dal 40°al 49° anno

Cosa sono i titani?

I Titani RX sono le prove, composte da uno o più esercizi, su cui si basano gli eventi agonistici di STHENATHLON®.

I Titani Regular sono le prove composte da uno o più esercizi, che possono avere come finalità anche il semplice condizionamento (fitness) o, ancora, il raggiungimento del benessere fisico (wellness).

La versione Regular potrà comunque rientrare nella proposta di prove all’interno delle gare dei Partner del Circuito.

I Titani attualmente codificati, saranno selezionati, di volta in volta, in base alla competizione. Eccoli racchiusi nel regolamento in formato pdf :

Pdf Regolamento Sthenathlon

C’è una regolamentazione dei singoli movimenti?

Si certo, le prove sono di tre tipologie:

CP – Chrono Priority :

in cui, dati una serie di movimenti e ripetizioni prescritti, viene premiato l’atleta che concluderà quanto previsto nel minor tempo possibile.

WP – Work Priority :

in cui, dati una serie di movimenti, ripetizioni e tempo prescritti, viene premiato l’atleta che riuscirà ad eseguire più ripetizioni possibile.

RM – Carico sollevato :

in cui, dato un determinato movimento, viene premiato l’atleta che riuscirà a sollevare il maggior carico possibile, con un numero di tentativi variabile in base all’evento presentato.

Ci spieghi le posizioni e i termini comuni agli esercizi?

Sì molto volentieri :

Bottom position o bottom of squat:

la posizione richiede che l’atleta raggiunga la posizione di squat completo, con le pieghe di entrambi i fianchi sotto il piano immaginario orizzontale passante per la parte superiore delle ginocchia.

Front rack position:

è una posizione in cui il bilanciere o un altro oggetto è supportato anteriormente dalla parte superiore della spalla, o all’altezza relativa delle spalle, con i gomiti chiaramente davanti al bilanciere o all’oggetto.

Full extension (completa estensione):

è la posizione di partenza e di arrivo di molti movimenti. La completa estensione della parte inferiore del corpo significa che le ginocchia sono bloccate e l’angolo dell’anca è aperto. La completa estensione delle braccia significa che i gomiti sono bloccati. Nei movimenti sopra la testa, la completa estensione della parte superiore del corpo richiederà un angolo della spalla aperto oltre a gomiti bloccati.

Il raggiungimento della piena estensione dell’intero corpo richiede che il ginocchio, l’anca e la spalla siano allineati. In alcuni casi, l’estensione completa richiede che le gambe o le braccia non si estendano lateralmente oltre i piani esterni delle spalle.

Estensione dell’anca:

si intende un angolo tra coscia ed anca di almeno 180°, ovvero allineamento verticale tra busto e arti inferiore.

Estensione delle braccia:

si intende un angolo tra arti superiori e busto di almeno 180°, ovvero allineamento verticale tra arto superiore e busto.

Unbroken:

serie di movimenti o più ripetizioni dello stesso eseguite senza mai interruzione. Può essere applicata a tutte le tipologie di esercizio: in caso di movimenti alla sbarra o agli anelli le ripetizioni devono essere eseguite senza mai staccare le mani dall’attrezzo; in caso di camminata in verticale o avanzamenti di vario genere questi devono essere eseguiti senza mai fermarsi per tutta la distanza prevista; in caso di esercizi con attrezzi (bilanciere o manubrio) queste devono essere eseguite senza mai staccare le mani dall’attrezzo.

Posizione di dip:

posizione in cui l’atleta si trova in supporto con le spalle superiormente agli anelli o alla sbarra con il gomito flesso.

Strict movement:

esercizio eseguito senza l’utilizzo di alcuno slancio di flesso/estensione dell’anca. Ma mantenendo sempre le anche estese.

Hang position:

per i movimenti con il bilanciere questi iniziano sempre con l’attrezzo tenuto sopra la linea delle ginocchia; per i movimenti con i manubri questi iniziano sempre con l’attrezzo staccato da terra. La prima ripetizione vedrà l’atleta con l’attrezzo in mano, le anche aperte e le ginocchia distese. Dalla seconda ripetizione in poi l’atleta, potrà effettuare la tecnica di rimbalzo (bouncing) per il proseguo del set.

Ogni qualvolta l’attrezzo viene riposto a terra, l’atleta dovrà ripartire dalla posizione di partenza.

Power position:

posizione in cui l’atleta si trova con le gambe piegate e le anche flesse ma senza raggiungere la posizione di bottom of squat: le anche non devono quindi scendere sotto la linea delle ginocchia.

Back rack position:

posizione in cui l’atleta sorregge il bilanciere o altro attrezzo in appoggio sulle spalle dietro

Front rack position:

posizione in cui l’atleta sorregge il bilanciere o altro attrezzo in appoggio sulle spalle frontalmente; in caso in cui si utilizzi il bilanciere i gomiti dell’atleta devono essere più avanti (anteriori) rispetto al bilanciere in appoggio su clavicole e spalle

Overhead position:

posizione in cui l’atleta sorregge il bilanciere o altro attrezzo sopra la testa con gomiti estesi e braccia estese.

Chi sono i Kriterior?

L’esercizio tecnico durante gli eventi è valutato dai Kriterior, collaboratori tecnici dell’evento tesserati FIPE.

Ad ogni Atleta viene assegnato, in modo casuale, un Kriterior che segue l’Atleta in ogni fase della gara.

Il punteggio di ogni atleta viene registrato su un apposito foglio precompilato denominato Score Card; ogni atleta ha la propria score card che viene utilizza dal proprio Kriterior per segnare lo score dello stesso; le score card sono nominali.

C’è una attrezzatura specifica per la gara?

Sì eccola di seguito :

Bilanciere: Maschile (20kg) – Femminile (15kg)
Dischi: I dischi devono avere un diametro esterno di 45cm per tutti i dischi di peso superiore ai 2,5kg. Tutti i dischi comunque devono avere un diametro del foro centrale di 50mm.
Morsetti: I morsetti possono essere di metallo o plastica e non devono rispettare uno standard preciso di peso.
Manubri esclusivamente di tipologia esagonale (hex dumbbell).
Wall ball di due tipi: Maschile 9kg – 12 kg Femminile 6kg – 9 kg.
Sandbags di tue tipi: Maschile 100 kg e 70 kg e 50 Kg e Femminile 70 kg e 50 kg e 30 kg
Vest (gilet zavorrato) di due tipi: Maschile 9kg e Femminile 6kg
Corda per eseguire double o single under.
Box pliometrico
Precisazioni

E’ consentito l’uso di magnesite.
Non è invece consentito l’uso di straps o “tirelle”.
Nei movimenti alla sbarra o agli anelli l’atleta può utilizzare paracalli o nastro, se già applicato alla sbarra.
Non è consentito l’utilizzo di entrambe.

Come si svolgono gli eventi on line?

Per i TITANI di qualifica online, gli atleti agonisti FIPE devono riprendere, con videocamera/cellulare la loro performance.

I requisiti fondamentali per ogni video, senza i quali l’organizzazione ha facoltà di rifiutare la prova, sono:

Video ad un’angolazione di circa 45 gradi, riprendendo atleta e timer (il video deve essere di risoluzione ALMENO 640×480. Non saranno accettati video di qualità inferiori, e la prova risulterà nulla.

Ripresa di tutta l’attrezzatura (esempio: bilancieri e dischi, manubri, Sandbags, wall balls) e standard utilizzati (esempio distanze): per l’esecuzione del TITANO devono essere ripresi da vicino e/o pesati su bilancia se esenti da indicazioni di peso.

Caricamento del risultato sulla piattaforma online e del video (su YouTube o altra piattaforma a scelta) entro e non oltre la scadenza per ogni TITANO; caricamenti in ritardo o con problemi non verranno accettati.

Precisazioni sulla partecipazione degli atleti non tesserati

TITANI Online possono partecipare solo gli Atleti Agonisti FIPE in regola con il Tesseramento per una Società regolarmente affiliata alla FIPE per l’anno di competenza e con la prevista certificazione medico agonistica in corso di validità; mentre ai TITANI LIVE possono partecipare anche atleti non tesserati FIPE ma che ovviamente non concorrono per l’accesso alla fase finale

Esiste un calendario di eventi gare riconosciute?

Sì eccolo di seguito:

calendario STHENATHLON
Calendario STHENATHLON

Conclusione

Redazione: Bene Simone, ti ringraziamo per averci dedicato un intero pomeriggio del tuo tempo per cercare di dare un quadro generale più ampio possibile di questa iniziativa. Speriamo dunque di vederci presto, per tornare ad emozionarci ancora una volta sul floor, a presto.

Grazie a voi per lo spazio concessoci.

Personalmente sono onorato di essere parte attiva di questo cambiamento epocale per il nostro Sport e non posso che essere grato alla FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA per tutto quello che ha fatto per le Società affiliate.

Ci sarà bisogno del supporto di tutti e FIPE è aperta all’accoglienza.

Per ogni informazione a riguardo vi invito a visitare il sito web ufficiale della FIPE per approfondire ulteriormente. A presto.

Sommario Articolo :
FIPE lancia STHENATHLON® | Tutto quello che c'è da sapere sul progetto
Titolo Articolo :
FIPE lancia STHENATHLON® | Tutto quello che c'è da sapere sul progetto
Descrizione Articolo :
La Federazione Italiana Pesistica presenta STHENATHLON®. Disciplina polispecialistica orientata alle prove di forza.
Autore Articolo :
Scritto da :
My Cross Life
Logo :