Gli esami non finiscono mai. | Grazie Claudio e Luca

Dopo tanto tempo circa 2 anni, sabato scorso sono riuscito a partecipare ad una cena di classe del box. Ovviamente durante questi due anni sono arrivati al box moltissimi volti nuovi, di eta ed estrazione sociale totalmente diversa.

Dal professionista al ragazzo iscritto all’università. Insomma un caledoscopio di storie e vissuti talmente diversi che il solo immaginarli insieme a spingere e divertirsi tutti insieme sembra una follia.

Durante la cena ho conosciuto due persone speciali :

Claudio (nome di fantasia per privacy) 56 anni direttore di un’istituto di credito della zona molto importante, uomo di una serietà e compostezza che quasi intimorisce e Luca (nome di fantasia per privacy) 19 anni matricola di medicina che ha in testa una sola cosa (come è giusto che sia) divertirsi e far casino.

Insomma due persone agli antipodi…

Voi non ci crederete ma Claudio e Luca partecipano alla stessa classe delle 13 e durante le classi sono inseparabili e incorreggibili, un concentrato di casino e simpatia che non immaginate, tanto che alle volte si fà fatica a capire tra i due chi sia il ventenne.. Legati indissolubilmente da un’amicizia incredibile che fuori da quel contesto sembrerebbe inconcepibile.

Dopo aver mangiato, bevuto e parlato di tantissime stupidaggini ho deciso di conoscere meglio questo DUO di delinquenti ed abbiamo cominciato a parlare delle loro storie di come hanno conosciuto il CrossFit e di tanto altro… alla fine della chiacchierata mi è scappata una domanda rivolta proprio a loro due (visto che anche in occasione della cena si sono scatenati).

La domanda che ho fatto a Claudio e Luca è stata :

Ma della cosa di (omissis) che è stato trovato positivo per doping ai CrossFit Games che ne pensate?

Sapete la risposta qual’è è stata?

Chi? e chi è?

Ed io incalzando :

Ma come (omissis) non lo conoscete, cazzo fate CrossFit da 2 anni e non sapete chi è….

E la loro replica è stata :

Guarda che noi non siamo addetti al lavoro come te, a noi piace fare CrossFit e basta di queste cose non ci interessa niente….

Incredulo mi sono girato verso il resto della tavolata ed ho chiesto :

Ma davvero nessuno conosce (omissis)?

Vi prego di credere a quello che dico perchè è la verità : su 14 ospiti solo io, e altri 2 coach sapevamo chi fosse, il resto degli invitati no.

Mi sono sentito come quando si riceve uno schiaffone che ti riporta alla realtà, come quelli di mamma 🙂 ed ho pensato, ma allora sono davvero scemo.

Quasi come un’illuminazione con la loro risposta, Claudio e Luca mi hanno fatto prendere coscenza di una verità che è sempre stata là disponibile in bella mostra e che io non ero ancora riuscito a capire a pieno. La visione degli addetti ai lavori di questo metodo di allenamento è completamente diversa da quella dei semplici CrossFitters che giorno dopo giorno si allenano e si divertono nei box di tutta Italia.

Claudio e Luca non si sono iscritti a CrossFit perchè hanno visto Tizio o Caio vincere i Games, alzare tonnellate in un video, o fare 300 double unders.

Claudio e Luca si sono iscritti a CrossFit per caso, perchè e fottutamente divertente e gli mermette per un’ora di essere loro stessi, di abbandorare schemi e cliche, per divertirsi davvero e stare insieme, aldilà del proprio stato di fitness.

E che dati alla mano rappresentano il 95% dei CrossFitters del mondo….Vista anche l’impietosa percentuale raccolta durante la cena.

Insomma quello che ho imparato sabato sera tra un gin tonic e una risata è che forse dobbiamo cominciare ad occuparci con il nostro magazine molto più di quel 95% di entusiasti e meno della parte agonistica di questo metodo di allenamento, evitando cosi di perdere contatto con questa parte cosi importante del movimento.

Permettendo cosi a questo esercito di entusiasti di crescere sempre di più.

MEA CULPA….Non si smette mai di imparare. A buon rendere Claudio e Luca….

Sommario Articolo :