I box di CrossFit e le palestre tra i posti più sicuri | No alla chiusura

Le palestre, le piscine i box di CrossFit sono da considerarsi come i luoghi attualmente tra i più sicuri.

L’uso di dispositivi di prevenzione e l’ingresso contingentato rappresentano armi più che efficaci nella lotta al contrasto della pandemia. I report parlano chiaro, pochissimi i casi di infezione registrati in palestre e box di CrossFit. Ma allora perchè questa proroga che sa di ultimatum?

Decisione rimandata di una settimana

Per un semplice motivo, se durante questa settimana i dati del contagio resteranno stabili, non si procederà varare nessuna ulteriore misura restrittiva. Il CTS è stato chiaro, ed ha stoppato la decisione (forse gia presa in precedenza di chiudere le palestre) del CDM.

Non si toccano le palestre, i dati sono sotto gli occhi di tutti.

Se al contrario la curva dei contagi dovesse aumentare in modo incontrollato, temo che non ci sarà solo la chiusura di palestre e centri sportivi in genere ma molto di più.

Se le attuali misure restrittive non sortiranno alcun effetto, con molta probabilità si andrà ad intervenire in modo massiccio su ogni fronte possibile.

Il governo ha perso tempo

Ci siamo addormentati al volante? Si sembra proprio di si. Conoscendo le criticità di settori come i trasporti e l’istruzione l’attuale esecutivo avrebbe dovuto quanto meno pianificare una strategia atta a rendere 2 dei settori più a rischio quanto meno più sicuri.

Come?

L’aumento dei mezzi di trasporto.

Lo scaglionamento degli orari di ingresso in scuole medie superiori ed università.

Il potenziamento concreto di strumenti quali la didattica a distanza.

Insomma il governo ed i vari ministeri, tra cui quello dell’istruzione e dei trasporti hanno avuto tutta un estate per far fronte a queste due macro aree di potenziale trasmissione del virus. Ma nulla è stato fatto e ci siamo ritrovati con aule, bus, metropolitane, affollati in modo disumano, con l’unica, inevitabile risultato di un aumento della trasmissione dei contagi incontrollato.

La caccia agli untori è andata male

Questa volta il Comitato Tecnico Scientifico ha dato ragione agli owner di palestre e box di CrossFit, impedendo ad una dirigenza politica assolutamente non all’altezza, di chiudere alcuni dei luoghi in cui le misure di prevenzione sono le più efficaci.

Palestre e box di CrossFit tra i più sicuri

La comparazione è impietosa, pochissimi i casi di contagio riscontrati in palestre, piscine e box di CrossFit. Le misure adottate dagli owner hanno reso i luoghi di allenamento tra i posti più sicuri del mondo.

Palestre NO Calcio SI

La grande ipocrisia, che permette al calcio con 38 positivi in più di 10 diverse squadre di calcio in Italia di continuare a portare avanti il campionato della vergogna.

Adeguare i protocolli del CTS oppure si chiude

Fuffa, niente di più. Una pezza per pararsi il posteriore nel caso vengano adottate le misure restrittive, aimè già decise ma miracolosamente osteggiate e quindi rimandate dall’intervento del CTS.

Cosa succederà?

Non possiamo saperlo, dobbiamo per forza aspettare la prossima settimana e sperare che la curva dei contagi non vada fuori controllo.

Cosa possono fare gli owner?

Il consiglio è di portare avanti con la diligenza che li contraddistingue la propria attività, sperando che tutto questo casino finisca il prima possibile e soprattutto non restare zitti, questa volta si combatte per la vita e la morte non solo delle persone ma di tutte le attività commerciali che davvero non hanno alcuna colpa.

Sommario Articolo :
I box di CrossFit e le palestre tra i posti più sicuri | No alla chiusura
Titolo Articolo :
I box di CrossFit e le palestre tra i posti più sicuri | No alla chiusura
Descrizione Articolo :
I box di CrossFit è le palestre sono tra i luoghi più sicuri. NO Alla chiusura indiscriminata. L'emergenza non si combatte cosi.
Autore Articolo :
Scritto da :
My Cross Life
Logo :