Vogliamo tornare ad allenarci al box di CrossFit


Classi on line con Zoom, Google Classroom, storie Instagram, dirette e chi più ne ha più ne metta.  In questi mesi di impressionante sacrificio i coach di tutto il mondo stanno facendo salti mortali per offrire un servizio ai propri clienti, sopratutto con l’intento di mantenere coesa e viva la micro comunità che ogni box owner ha costruito nel corso del tempo con tanto sacrificio.

A differenza di altri sport il CrossFit beneficia di rapporti interpersonali forti (deo gratias) , la relazione che si instaura con i propri allenatori, da semplice fiducia muta molto spesso in amicizia.

Abbiamo assistito in questi due mesi alla esaltazione della comunità intesa nel senso più alto del termine, dimostrando a coloro che aditano tale movimento come solo immaginario che infondo da sempre hanno avuto torto marcio. Tutti in questa fase cosi delicata della nostra vita hanno apportato un significativo contributo.

Dalle centinaia di donazioni arrivate tramite eventi benefici, fino alla rinuncia volontaria della restituzione della fee mensile del proprio box, le manifestazioni di solidarietà concreta non si contano. CrossFit HQ per primo si è attivato tramite i propri country manager per venire in contro alle necessità dei propri affiliati, rendendo tangibile la presenza ed il supporto ad i propri affiliati.

Community. Si Grazie !

Ciò che però dimostra in questo momento la vera essenza della comunità CrossFit italiana è il supporto degli atleti ad i propri box di appartenenza. Tantissimi clienti diventati con il tempo veri e propri membri di una ipotetica famiglia allargata hanno supportato la propria seconda casa, rendendo questo momento cosi difficile per quando possibile più lieve.

Mai cosi distanti, mai cosi uniti.

Mi piace questo mantra, mai pensiero fu più calzante. Assistiamo ad una amplificazione dei tratti caratteriali più nobili che forse questa pandemia cosi detestata ha favorito positivamente.

I nuovi trend per l’allenamento

Stiamo assistendo ad una vera è propria corsa agli armamenti per ridefinire il concetto di insegnamento e di attività sportiva. Migliaia di idee che sfiorano il ridicolo, dai pannelli in plexiglass, alle classi virtuali e gli allenamenti individuali.

Insomma una vera e propria babele di idee e proposte che lasceranno molto presto il tempo che trovano.

Torneremo presto al box ad allenarci

Si tornerà al box e ci si allenerà come prima questa è l’unica soluzione possibile, dovrà essere per forza cosi. Il CrossFit per sua natura da il meglio di se durante le classi, ciò che si prova ad allenarsi in gruppo è la struttura portante che ha portato questo metodo di allenamento al successo mondiale.

Team wod, sfide, PR, diventano motivo di aggregazione e di condivisione, si trasformano con il tempo nella motivazione che muove l’istinto ad allenarsi ogni giorno e migliorare il proprio stato di fitness.

Le classi on line, gli allenamenti virtuali sono come la sigaretta elettronica per i fumatori incalliti, un paleativo momentaneo utile solo ad attenuare quella astinenza che nella trasposizione sportiva si chiama agonismo, voglia di confrontarsi e migliorarsi.

Distanze sociali, anche no.

Per quanto possa ancora perdurare questa stringente normativa, non potrà sicuramente restare tale per sempre. Sarà trovato un vaccino e tutto ritornerà alla normalità. Quando finirà tutto questo non ci è dato saperlo per il momento. Ciò che sappiamo per certo che finirà e la vita come la ricordiamo tornerà ad essere una costante.

Quello che mi fa ben sperare è la stessa natura umana che ha saputo superare sfide tremende come guerre, pandemie, carestie e tanto tanto altro. Torneremo più forti, più uniti, consapevolmente cambiati. Sicuramente trarremo insegnamento da questa esperienza.

Siamo già cambiati in meglio

La comunità italiana del CrossFit la conosco abbastanza bene, abbiamo avuto alti e bassi lo ammetto non siamo perfetti, siamo stati spesso in disaccordo su tantissime cose. Molte gelosie, tantissima indifferenza, visioni personalizzate di ciò che il CrossFit dovrebbe rappresentare, interessi economici anteposti all’amicizia e tanto altro.

Ma questi mesi mi hanno fatto ricredere positivamente. Mai avrei pensato che una situazione del genere riuscisse a tirar fuori da tutti il meglio di se stessi.  Tante asce da guerra sono state riposte, la sosta forzata ha permesso a tanti di rivedere le proprie azioni e rivalutare le priorità, rendendo forse questo piccolo microcosmo chiamato “comunità CrossFit” un posto migliore per tutti.

Non so se una volta ripristinata la normalità torneremo tutti a comportarci come prima, io spero proprio di no perchè quello che ho visto in questi due mesi mi è piaciuto davvero tanto e spero diventi una base solida da cui ricostruire una comunità ancora più solida e consapevole.

Nell’attesa di tornare ancora una volta ad abbracciarci, piangere, ridere e divertirci insieme, al box ovviamente 😉

banner kingsbox italia
Sommario Articolo :
Vogliamo tornare ad allenarci al box di CrossFit | Ora più che mai.
Titolo Articolo :
Vogliamo tornare ad allenarci al box di CrossFit | Ora più che mai.
Descrizione Articolo :
Analisi dello stato della comunità CrossFit Italiana durante il periodo di stop forzato a causa della pandemia da Covid 19.
Autore Articolo :
Scritto da :
My Cross Life
Logo :