MAKE FITNESS GREAT AGAIN

guida stacchi da terra

Stacchi da terra | La storia gli esercizi le pubblicazioni scientifiche

Riassunto dei contenuti

Gli stacchi da terra, noti anche come deadlift in inglese, rappresentano un esercizio fondamentale e multiarticolare nel contesto del powerlifting. Mirato a potenziare gli arti inferiori e la schiena, è comunemente eseguito con pesi liberi utilizzando un bilanciere olimpico e dischi specifici.

La sua forma essenziale prevede l’alzata del bilanciere da terra fino all’altezza del pube, coinvolgendo l’intera muscolatura corporea in percentuali variabili. Glutei, quadricipiti e femorali sono responsabili della maggior parte dell’energia nei arti inferiori, mentre abduttori, adduttori, polpacci e altri muscoli contribuiscono alla stabilità e alla spinta.

Nel contesto del bodybuilding, il deadlift gioca un ruolo significativo nello sviluppo della forza, anche se non è considerato fondamentale per coloro che preferiscono altri tipi di allenamento.

Esistono diverse varianti del deadlift, come lo stacco in stile sumo, lo stacco rumeno, lo stacco a gambe tese e altri, ciascuno con caratteristiche specifiche e benefici distinti.

L’esecuzione corretta del deadlift richiede attenzione tecnica e precauzioni. L’uso di accessori come il cinturone può migliorare la stabilità del core, e la scelta di calzature adeguate è consigliata. La posizione iniziale, l’impugnatura del bilanciere e la corretta respirazione sono cruciali per eseguire l’esercizio in modo sicuro ed efficace.

I vantaggi del deadlift includono il potenziamento di muscoli chiave come cosce, glutei e schiena, con possibili miglioramenti nei carichi di altri esercizi. Tuttavia, è importante notare che il deadlift potrebbe non essere adatto a persone con determinate condizioni alla schiena o degenerazioni articolari.

Evitare errori comuni come una posizione di partenza sbagliata, una presa inadeguata, o una mancanza di concentrazione sulla respirazione è essenziale per prevenire infortuni e massimizzare i benefici dell’esercizio.

In sintesi, il deadlift è un’importante aggiunta agli allenamenti, ma va eseguito con attenzione e adattato alle esigenze individuali.

Differenze tra i diversi tipi di stacchi da terra

Il sollevamento da terra, offre una serie di varianti, ciascuna con caratteristiche distintive. Ecco una panoramica dei tipi di stacco da terra e le relative differenze:

Stacco in stile sumo:

Si caratterizza per un ampio divaricamento delle gambe, coinvolgendo in modo diverso cosce, glutei e schiena. Ammesso nelle competizioni di powerlifting.

Stacco rumeno (o alla rumena o mezzo stacco):

Eseguito con una minore flessione delle ginocchia, si concentra maggiormente su glutei, femorali e schiena. Alcuni possono distinguere tra stacco rumeno e mezzo stacco, attribuendo a quest’ultimo un range of motion ancora più limitato.

Stacco a gambe tese:

Estremizzazione del precedente, coinvolge ulteriormente i femorali.

Stacco con altri tipi di sovraccarico:

Può essere eseguito utilizzando kettlebell, trap bar o altri attrezzi, offrendo variazioni nel modo in cui il carico è distribuito.

Rack pulls:

Modificano il range of motion, spesso aumentandolo o diminuendolo, per concentrarsi sulla prima fase del movimento.

Hack:

Variante controversa che prevede di portare il bilanciere dietro alle gambe anziché davanti.

Presa snatch:

Utilizzata come propedeutica nel weightlifting, con piedi meno divaricati e impugnatura più larga sul bilanciere.

Ciascun tipo di stacco da terra pone enfasi su diverse parti del corpo e può essere adattato alle preferenze individuali o agli obiettivi specifici nell’allenamento. La scelta tra le varianti dipende spesso dalla comodità, dagli obiettivi di allenamento e dalle eventuali esigenze specifiche del praticante.

Come eseguire in modo corretto gli stacchi da terra

L’esecuzione corretta dello stacco da terra con bilanciere è essenziale per massimizzare i benefici dell’esercizio e prevenire eventuali infortuni. Ecco una guida dettagliata su come eseguire lo stacco da terra con bilanciere:

Attrezzatura necessaria:

  • Bilanciere olimpico
  • Dischi specifici (diametro interno 52 mm ed esterno 450 mm)
  • Cinturone per la schiena (opzionale, ma consigliato per migliorare la stabilità del core)
  • Calzature adeguate o piedi nudi

Passaggi:

  1. Posizione iniziale:
    • Posizionati di fronte al bilanciere con il centro dell’arco plantare esattamente sotto il centro della barra.
    • Le gambe sono naturalmente divaricate, più o meno quanto il bacino, e i piedi sono leggermente ruotati verso l’esterno.
    • Mantieni la testa dritta o leggermente inclinata verso il basso.
  2. Posizionamento delle mani:
    • Scendi verso il bilanciere con le braccia estese, piegando contemporaneamente ginocchia e bacino.
    • Mantieni un buon sostegno lombare e distribuisci uniformemente il peso su tutta la superficie plantare.
  3. Impugnatura del bilanciere:
    • Impugna il bilanciere con una larghezza approssimativa delle spalle. Per iniziare, adotta una doppia presa prona (entrambe le mani rivolte verso il corpo).
  4. Preparazione al sollevamento:
    • Inspira profondamente per compattare il core, abbassando il diaframma e espandendo la gabbia toracica.
    • Mantieni una postura solida e concentrati sull’uniformità della compressione plantare.
  5. Sollevamento:
    • Inizia a spingere progressivamente sia con le cosce che con i glutei. Ginocchio e bacino dovrebbero muoversi contemporaneamente per consentire un’estensione uniforme della gamba e del femore.
    • Mantieni la concentrazione dalla zona del ginocchio in poi e accelera il movimento non appena il bilanciere inizia a staccarsi da terra.
  6. Posizione finale:
    • Completa il sollevamento con le ginocchia completamente estese e le spalle dietro il bilanciere grazie all’avanzamento del bacino.
    • Evita l’iperestensione della schiena o eccessive rotazioni del bacino.
    • Espira e poi abbassa il bilanciere a terra in modo controllato.
  7. Punti chiave da tenere a mente:
    • Mantieni la lordosi lombare per evitare tensioni eccessive sulla schiena.
    • Non forzare l’iperestensione della schiena o la rotazione del bacino.
    • Evita di sollevare le spalle o di perdere la curva lombare durante il movimento.
  8. Consigli finali:
    • Se sei alle prime armi, è consigliabile imparare la tecnica con carichi leggeri sotto la supervisione di un istruttore.
    • Registra e analizza la tua esecuzione per apportare eventuali correzioni.

Seguire attentamente questi passaggi contribuirà a eseguire lo stacco da terra con bilanciere in modo sicuro ed efficace.

Tipi di prese per gli stacchi da terra

  1. Presa Prona:
    • Le mani sono posizionate con i palmi rivolti verso il corpo.
    • Entrambe le mani afferrano la barra con i pollici rivolti verso l’esterno.
  2. Presa Mista:
    • Una mano ha il palmo rivolto verso il corpo, mentre l’altra ha il palmo rivolto verso l’esterno.
    • Questa presa è spesso utilizzata per migliorare la stabilità, poiché previene il rotolamento della barra nelle mani durante lo stacco.
  3. Presa a Uncino:
    • Coinvolge l’uso di uncini o cinghie attorno alla barra per migliorare la presa.
    • Questa opzione è utile per coloro che possono avere difficoltà a mantenere una presa salda, consentendo loro di sollevare pesi più elevati in modo più sicuro.

Scegliere la presa giusta dipende dalle tue preferenze personali, dalla comodità e dalla sicurezza durante l’esecuzione dello stacco.

Muscoli coinvolti

Lo stacco con bilanciere è un esercizio complesso che coinvolge diversi gruppi muscolari. Ecco i principali muscoli coinvolti:

  1. Muscoli della Schiena:
    • Muscoli della Parte Superiore della Schiena (Trapezio): Coinvolti nel sollevamento della barra.
    • Dorsali (Latissimus Dorsi): Particolarmente attivi durante la fase di sollevamento.
  2. Muscoli delle Gambe:
    • Quadricipiti: Partecipano alla fase di sollevamento e stabilizzazione.
    • Posteriori della Coscia (Ischiocrurali): Coinvolti nel mantenere la stabilità e nello spingere verso l’alto durante il sollevamento.
  3. Muscoli dei Glutei:
    • Glutei (Glutei Massimi): Coinvolti nel sollevamento e nel mantenimento della stabilità della parte superiore del corpo.
  4. Muscoli dell’Anca:
    • Flessori dell’anca: Lavorano durante la fase di sollevamento.
  5. Muscoli della Catena Anteriore:
    • Addominali: Coinvolti nel mantenere la stabilità della colonna vertebrale durante il sollevamento.
  6. Muscoli degli Avambracci e delle Mani:
    • Avambracci e Mani: Necessari per mantenere una presa salda sulla barra.

Il sollevamento pesante coinvolge anche i muscoli stabilizzatori e richiede una coordinazione adeguata di tutto il corpo. È un esercizio eccellente per lo sviluppo della forza complessiva.

Propedeutica e progressione

Per ottenere successo nello stacco con bilanciere, è importante seguire una progressione graduale e incorporare esercizi propedeutici per sviluppare la forza e la tecnica necessarie. Ecco alcune proposte:

Esercizi Propedeutici:

  1. Stacco Rumeno:
    • Focalizzato sulla fase di discesa del movimento.
    • Migliora la flessibilità degli ischiocrurali e l’allenamento dell’anca.
  2. Affondi Posteriori:
    • Rafforza i muscoli delle gambe e dell’anca.
    • Migliora la stabilità e la forza nelle gambe.
  3. Stacco da Terra con Manubri:
    • Permette di concentrarsi sulla forma senza il peso aggiuntivo della barra.
    • Aiuta a migliorare la coordinazione e la tecnica.

Progressione nello Stacco con Bilanciere:

  1. Tecnica:
    • Concentrati sulla corretta posizione della schiena, il mantenimento della colonna vertebrale neutra e la corretta presa sulla barra.
    • Inizia con un carico leggero per concentrarti sulla forma.
  2. Aumento del Peso Graduale:
    • Aumenta gradualmente il peso per adattare il corpo al carico progressivo.
    • Assicurati di mantenere una buona forma durante ogni ripetizione.
  3. Variazioni di Presa e Posizione:
    • Sperimenta con diverse prese e posizioni dei piedi per trovare quella più confortevole e efficace per te.
    • La presa mista può essere utilizzata per migliorare la presa.
  4. Incorpora Accessori:
    • Cintura lombare: Può offrire supporto alla colonna vertebrale.
    • Ganci o cinghie: Possono essere utilizzati per migliorare la presa.
  5. Periodizzazione:
    • Incorpora periodi di carico leggero e deloading per prevenire il sovrallenamento.
    • Alterna fasi di ipertrofia e forza per promuovere una crescita muscolare equilibrata.

Ricorda sempre di ascoltare il tuo corpo, fare riscaldamento adeguato e consultare un professionista del fitness per una guida personalizzata. La gradualità e la corretta tecnica sono chiavi per il successo nello stacco con bilanciere.

Mesociclo suddiviso in 4 settimane

Eccoti un esempio di mesociclo per lo stacco con bilanciere suddiviso in 4 settimane. Ricorda che la programmazione dovrebbe essere adattata alle tue esigenze, al tuo livello di fitness e alle risposte del tuo corpo.

Settimane 1-2: Costruzione della Tecnica e Stabilità

Giorno 1: Stacco Tecnico

  1. Stacco con bilanciere: 4 set x 8 ripetizioni (leggero, concentrandoti sulla forma)
  2. Affondi posteriori: 3 set x 12 ripetizioni
  3. Stacco Rumeno: 3 set x 10 ripetizioni

Giorno 2: Allenamento degli Addominali e del Core

  1. Plank: 4 serie x 30-45 secondi
  2. Leg Raises: 3 serie x 15 ripetizioni
  3. Russian Twists: 3 serie x 20 ripetizioni (con pesi leggeri)

Giorno 3: Riposo attivo o attività aerobica leggera

Giorno 4: Stacco con Bilanciere

  1. Stacco con bilanciere: 5 set x 5 ripetizioni (aumenta il peso rispetto alla settimana precedente)
  2. Pull-up o Lat Pulldown: 4 set x 8 ripetizioni
  3. Iperestensioni: 3 set x 12 ripetizioni

Giorno 5: Mobilità e Recupero Attivo

  • Stretching dinamico per la parte inferiore del corpo e la parte bassa della schiena

Giorno 6: Allenamento Cardio Leggero o Attività Ricreativa

Giorno 7: Riposo

Settimane 3-4: Aumento del Volume e della Forza

Giorno 1: Stacco con Bilanciere

  1. Stacco con bilanciere: 5 set x 5 ripetizioni (aumenta ulteriormente il peso)
  2. Affondi posteriori: 4 set x 10 ripetizioni
  3. Stacco da Terra con Manubri: 3 set x 8 ripetizioni

Giorno 2: Allenamento degli Addominali e del Core

  1. Hollow Body Hold: 4 serie x 30-45 secondi
  2. Plank con Pesi: 3 serie x 15 ripetizioni
  3. Oblique Crunches: 3 serie x 20 ripetizioni

Giorno 3: Riposo attivo o attività aerobica leggera

Giorno 4: Stacco Tecnico

  1. Stacco con bilanciere: 4 set x 8 ripetizioni (concentrandoti sulla forma)
  2. Lat Pulldown: 4 set x 10 ripetizioni
  3. Iperestensioni: 3 set x 12 ripetizioni

Giorno 5: Mobilità e Recupero Attivo

  • Esercizi di rilassamento e stretching per la schiena e le gambe

Giorno 6: Allenamento Cardio Moderato

Giorno 7: Riposo

Assicurati di adattare il peso e il volume in base alle tue sensazioni e progressi. Consulta un professionista del fitness per una programmazione più personalizzata e precisa. Buon allenamento!

Benefici degli stacchi da terra

Lo stacco da terra con bilanciere offre una serie di vantaggi che lo rendono un esercizio altamente efficace e versatile nel contesto dell’allenamento fisico. Ecco alcuni dei principali vantaggi:

  1. Potenziamento Muscolare: Lo stacco da terra coinvolge numerosi gruppi muscolari, tra cui cosce, glutei, schiena, avambracci e addominali. Questa attivazione simultanea di diverse zone muscolari favorisce lo sviluppo di forza e dimensioni muscolari.
  2. Forza Funzionale: L’esercizio mira a migliorare la forza funzionale, poiché simula i movimenti di sollevamento tipici della vita quotidiana. Ciò può tradursi in una maggiore capacità di affrontare attività quotidiane che coinvolgono sollevamenti e spinte.
  3. Coinvolgimento del Core: Lo stacco da terra richiede una stabilità significativa del core per mantenere una postura corretta durante l’esecuzione. Ciò contribuisce allo sviluppo di un core forte e stabile, essenziale per sostenere la colonna vertebrale e prevenire lesioni.
  4. Aumento della Produzione di Ormoni Anabolici: Eseguire esercizi composti come lo stacco da terra stimola la produzione di ormoni anabolici, come il testosterone e l’ormone della crescita. Questo può favorire la crescita muscolare e la riduzione del grasso corporeo.
  5. Sviluppo della Postura: Lo stacco da terra incoraggia una postura corretta, soprattutto nella parte bassa della schiena. Mantenere una corretta lordosi lombare durante l’esercizio contribuisce a migliorare la postura complessiva.
  6. Incremento del Metabolismo: Gli esercizi multiarticolari come lo stacco da terra richiedono un notevole dispendio energetico. L’aumento del metabolismo durante e dopo l’allenamento può contribuire alla perdita di grasso corporeo e al mantenimento di un peso sano.
  7. Adattabilità a Diverse Varianti: Lo stacco da terra può essere modificato in diverse varianti per adattarsi alle esigenze e agli obiettivi individuali. Le diverse prese, gli stili di esecuzione e le varianti di sollevamento consentono una maggiore personalizzazione dell’allenamento.
  8. Trasferibilità a Diverse Discipline: L’incremento della forza e della stabilità ottenuto con lo stacco da terra può avere benefici trasferibili a diverse discipline sportive e attività fisiche.

In sintesi, lo stacco da terra con bilanciere è un esercizio completo che offre vantaggi significativi in termini di sviluppo muscolare, forza funzionale, stabilità del core e salute generale. Incorporare questo esercizio nella routine di allenamento può contribuire in modo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi fitness e al miglioramento delle prestazioni fisiche complessive.

Controindicazioni stacchi da terra

Nonostante gli indubbi vantaggi, lo stacco da terra con bilanciere può presentare alcuni svantaggi e considerazioni che è importante tenere in considerazione:

  1. Rischio di Infortuni alla Schiena: La natura dell’esercizio, se eseguito in modo improprio o con un carico eccessivo, può aumentare il rischio di infortuni alla schiena, in particolare se la tecnica di sollevamento non è corretta.
  2. Stress Articolare: Sollevare pesi elevati con lo stacco da terra può esercitare uno stress significativo sulle articolazioni, in particolare sulla colonna vertebrale, il che potrebbe essere problematico per chi ha già problemi articolari o patologie preesistenti.
  3. Esclusione per Determinate Condizioni: Individui con determinate condizioni di salute, come problemi alla schiena, protrusioni vertebrali o altri disturbi articolari, potrebbero dover evitare o modificare lo stacco da terra per ridurre il rischio di lesioni.
  4. Complessità Tecnica: Lo stacco da terra è un esercizio altamente tecnico che richiede una corretta esecuzione per evitare infortuni. Imparare la tecnica richiede tempo e la supervisione di un professionista del fitness.
  5. Richiede una Buona Mobilità: Per eseguire correttamente lo stacco da terra, è necessaria una buona mobilità nelle articolazioni delle anche, delle ginocchia e della parte bassa della schiena. Chi ha limitazioni nella mobilità potrebbe incontrare difficoltà nell’esecuzione dell’esercizio.
  6. Non Adatto a Tutti: A differenza di altri esercizi, lo stacco da terra potrebbe non essere adatto a tutti i livelli di fitness o a persone con particolari limitazioni fisiche. Alcune persone potrebbero beneficiare di alternative più sicure e adatte alle loro esigenze.
  7. Stanchezza e Recupero: L’esecuzione dello stacco da terra può causare una significativa fatica muscolare e richiedere un adeguato periodo di recupero. L’eccessiva frequenza senza il giusto riposo potrebbe portare a un aumento del rischio di overtraining.
  8. Potenziale per Sovrallenamento: Se utilizzato in modo eccessivo o combinato con altri esercizi intensi, lo stacco da terra potrebbe contribuire al sovrallenamento, con conseguenti effetti negativi sulla performance e sulla salute generale.

In conclusione, mentre lo stacco da terra con bilanciere offre numerosi benefici, è fondamentale eseguirlo con attenzione, rispettando i limiti individuali e sotto la guida di un professionista del fitness, specialmente per chi è alle prime armi o ha condizioni fisiche particolari.

Evitare errori mentre si eseguono gli stacchi da terra

Evitare errori comuni durante lo stacco da terra con bilanciere è essenziale per garantire un’esecuzione sicura ed efficace. Ecco alcuni errori da evitare:

  1. Posizione di Partenza Errata:
    • Errore: Posizionare le tibie troppo lontane o troppo vicine al bilanciere.
    • Correzione: Mantenere le tibie a una distanza moderata, con i piedi leggermente ruotati verso l’esterno.
  2. Impugnatura Inadeguata:
    • Errore: Impugnare il bilanciere in modo scorretto.
    • Correzione: Adottare una presa appropriata, preferibilmente una doppia presa prona per iniziare.
  3. Posizione di Partenza del Sedere:
    • Errore: Iniziare con il sedere troppo alto o troppo basso.
    • Correzione: Trovare una posizione di partenza in cui il bacino è a una altezza moderata e le ginocchia sono piegate leggermente.
  4. Mancata Adeguata Inspirazione:
    • Errore: Non inspirare profondamente prima del sollevamento, lasciando il core poco compatto.
    • Correzione: Inspirare profondamente per compattare il core e stabilizzare la colonna vertebrale.
  5. Eccessiva Attivazione delle Scapole:
    • Errore: Attivare eccessivamente le scapole, aumentando la corsa del bilanciere.
    • Correzione: Mantenere una corretta postura delle scapole senza eccessiva attivazione.
  6. Sollevare Troppo Velocemente:
    • Errore: Spingere troppo velocemente sin dall’inizio del sollevamento.
    • Correzione: Iniziare il movimento in modo controllato e accelerare gradualmente quando il bilanciere inizia a staccarsi da terra.
  7. Perdita di Concentrazione sulla Superficie Plantare:
    • Errore: Non percepire la spinta sulla superficie plantare durante il sollevamento.
    • Correzione: Mantenere la concentrazione sulla distribuzione uniforme del peso sui piedi.
  8. Perdita della Curva Lombare:
    • Errore: Perdere la corretta lordosi lombare durante il sollevamento.
    • Correzione: Mantenere saldamente la lordosi lombare per evitare tensioni e lesioni alla schiena.
  9. Spinta Sbilanciata:
    • Errore: Spingere prima con la schiena anziché con le gambe.
    • Correzione: Concentrarsi sulla spinta simultanea delle gambe e della schiena per un’estensione uniforme.
  10. Eccessiva Iperestensione:
    • Errore: Iperestendere la schiena verso il basso o ruotare eccessivamente il bacino in avanti.
    • Correzione: Evitare movimenti eccessivi e mantenere una postura neutra durante l’esecuzione.
  11. Mancato Coinvolgimento dei Glutei:
    • Errore: Non chiudere la ripetizione con il coinvolgimento completo dei glutei.
    • Correzione: Concentrarsi sul coinvolgimento attivo dei glutei alla fine del movimento.
  12. Scarso Controllo dell’Eccentrica:
    • Errore: Lasciare cadere il bilanciere senza un adeguato controllo nella fase eccentrica.
    • Correzione: Accompagnare il bilanciere a terra con controllo, specialmente con carichi elevati.

Evitare questi errori contribuirà a eseguire lo stacco da terra in modo sicuro e a massimizzare i benefici dell’esercizio. La supervisione di un professionista del fitness può essere particolarmente utile per correggere eventuali problemi tecnici.

Atleti famosi ed esponenti

Lo stacco da terra è un esercizio comune tra gli atleti di diverse discipline, ma non tutti raggiungono livelli di esponenzialità mondiale specificamente in questo movimento. Tuttavia, ci sono atleti nel mondo del powerlifting e del sollevamento pesi olimpico che sono noti per le loro incredibili performance nello stacco da terra. Alcuni di essi includono:

  1. Hafthor Bjornsson: Conosciuto anche come “La Montagna” di Game of Thrones, Bjornsson è un forte uomo e powerlifter islandese. Ha stabilito record mondiali nel sollevamento del tronco morto durante le sue competizioni di strongman.
  2. Eddie Hall: Powerlifter britannico noto per essere il primo uomo a sollevare 500 kg in uno stacco da terra nel 2016. Questo è stato un evento fuori competizione, ma ha contribuito a consolidare la sua fama nel mondo del powerlifting.
  3. Benedikt Magnusson: Powerlifter islandese, noto per le sue notevoli performance nello stacco da terra. Ha detenuto il record mondiale nel sollevamento di 461 kg nella categoria 110 kg.
  4. Andy Bolton: Powerlifter britannico, è stato uno dei primi uomini a sollevare 1.000 libbre (circa 453 kg) in uno stacco da terra, stabilendo un record mondiale nel 2006.
  5. Konstantin Konstantinovs: Powerlifter lettone che ha avuto notevoli successi nello stacco da terra, con record personali impressionanti.
  6. Zydrunas Savickas: Altro strongman e powerlifter lituano, con una notevole carriera nello stacco da terra e in molte altre discipline di forza.

Questi atleti sono diventati noti a livello mondiale per le loro eccezionali abilità nello stacco da terra e nei movimenti di sollevamento pesi. È importante notare che il successo in questo esercizio è spesso associato al mondo del powerlifting e del strongman, ma molti altri atleti in diverse discipline possono eccellere in questo movimento.

Storia degli stacchi da terra

Lo stacco da terra ha una storia ricca e affonda le radici nel mondo dello sport e dell’allenamento fisico. Ecco una panoramica della storia degli stacchi da terra:

Inizio del Sollevamento Pesi:

  • La pratica del sollevamento pesi ha radici antiche, risalenti all’antica Grecia e Roma, dove gli atleti dimostravano la propria forza sollevando oggetti pesanti come pietre e tronchi.

Powerlifting e Sollevamento Pesi Olimpico:

  • Nel corso del XX secolo, il sollevamento pesi è diventato uno sport strutturato con l’inclusione del sollevamento pesi olimpico e l’emergere del powerlifting. Il sollevamento pesi olimpico comprende l’arrampicata e lo strappo, mentre il powerlifting include lo stacco da terra, la panchina e la squat.

Stacco da Terra come Esercizio Distinto:

  • Lo stacco da terra ha iniziato a guadagnare popolarità come esercizio distintivo nel powerlifting. Negli anni ’60 e ’70, con lo sviluppo di questo sport, lo stacco da terra è diventato uno degli esercizi principali nelle competizioni di powerlifting.

Regolamentazioni e Competizioni:

  • Nel corso del tempo, sono state stabilite regole specifiche per la corretta esecuzione dello stacco da terra nelle competizioni di powerlifting. Queste regole riguardano la postura iniziale, l’esecuzione del movimento e la corretta chiusura del sollevamento.

Strongman e Stacchi da Terra Record:

  • Negli ultimi decenni, con lo sviluppo dello strongman come disciplina sportiva, sono emersi atleti noti per i loro stacchi da terra record. Eventi fuori competizione, spesso trasmessi in televisione, hanno contribuito a diffondere la popolarità di questo movimento.

Stacchi da Terra nella Cultura Fitness:

  • Oggi, lo stacco da terra è diventato un esercizio fondamentale nella cultura fitness. È ampiamente utilizzato nelle palestre di tutto il mondo come parte integrante di programmi di allenamento per lo sviluppo della forza, della potenza e della massa muscolare.

La storia degli stacchi da terra è quindi intrecciata con lo sviluppo del sollevamento pesi come sport e della cultura fitness. Da esercizio specifico nelle competizioni di powerlifting, è diventato un pilastro nelle routine di allenamento di atleti e appassionati di fitness di varie discipline.

Letteratura scientifica e fonti

La letteratura scientifica sugli stacchi da terra, in particolare nello specifico contesto dell’allenamento fisico, è ampia e copre una varietà di aspetti, tra cui biomeccanica, fisiologia muscolare, benefici e rischi per la salute. Alcuni argomenti comuni includono anche l’effetto dello stacco da terra sulla forza, sull’ipertrofia muscolare e sulla prevenzione degli infortuni. Ecco alcune tematiche di ricerca e alcuni esempi di pubblicazioni scientifiche:

  1. Biomeccanica degli Stacchi da Terra:
    • Pubblicazione: “Biomechanical Analysis of the Deadlift” (Journal of Strength and Conditioning Research, 2001)
    • Autori: Escamilla RF, Francisco AC, Kayes AV, et al.
    • Questo studio analizza la biomeccanica dello stacco da terra, esaminando le forze muscolari coinvolte e fornendo una comprensione dettagliata dei movimenti coinvolti.
  2. Effetti sulle Prestazioni e sulla Forza:
    • Pubblicazione: “Effects of a Short-Term Deadlift Training Program on Lower-Body and Trunk Muscle Performance” (Journal of Strength and Conditioning Research, 2017)
    • Autori: Goins EC, Hackney AC
    • Questo studio esplora gli effetti di un breve programma di allenamento degli stacchi da terra sulla forza muscolare degli arti inferiori e del tronco.
  3. Rischio di Infortuni e Sicurezza:
    • Pubblicazione: “Comparison of Muscle Activation and Kinematics During Free-Weight Back Squats With Different Loads” (Journal of Strength and Conditioning Research, 2018)
    • Autori: Camara KD, Coburn JW, Dunnick DD, et al.
    • Questo studio confronta l’attivazione muscolare e la cinematica durante gli stacchi da terra con diversi carichi, esaminando il rischio di infortuni associato a diverse condizioni di allenamento.
  4. Risposta Ormonale e Metabolica:
    • Pubblicazione: “Acute hormonal and neuromuscular responses to hypertrophy, strength and power type resistance exercise” (European Journal of Applied Physiology, 2012)
    • Autori: Buresh R, Berg K, French J.
    • Questo studio esamina le risposte ormonali acute e le risposte neuromuscolari agli esercizi di resistenza di tipo ipertrofia, forza e potenza, inclusi gli stacchi da terra.
  5. Effetti sull’Ipertrofia Muscolare:
    • Pubblicazione: “Muscle activation during resistance exercise with a flexible barbell” (European Journal of Applied Physiology, 2018)
    • Autori: Andersen V, Fimland MS, Mo DA, et al.
    • Questo studio esplora l’attivazione muscolare durante esercizi di resistenza, incluso lo stacco da terra, con l’uso di una barra flessibile.

È importante notare che la ricerca scientifica è in continua evoluzione, e nuovi studi vengono regolarmente condotti per approfondire la comprensione degli stacchi da terra e dei loro effetti sul corpo umano. La consultazione di database scientifici come PubMed può fornire ulteriori dettagli e aggiornamenti sulla letteratura scientifica su questo argomento.

Sommario Articolo :
Stacchi da terra | La storia gli esercizi le pubblicazioni scientifiche
Titolo Articolo :
Stacchi da terra | La storia gli esercizi le pubblicazioni scientifiche
Descrizione Articolo :
Leggi uno dei migliori articoli mai scritti sugli stacchi da terra. Scopri modalità di esecuzione, fondamenti, esponenti e curiosità
Autore Articolo :
Scritto da :
My Cross Life
Logo :